Rappresenta il primo e più importante contributo con cui si affronta il problema dell’azienda e se ne individuano le soluzioni, indicando le attività e iniziative di comunicazione da realizzare sia verso l’interno che verso l’esterno.

A cosa serve il piano di comunicazione?

Il piano di comunicazione può affrontare situazioni e problematiche diverse:

  • l’immagine dell’azienda
  • il lancio di un nuovo prodotto
  • il lancio di un nuovo servizio
  • il riposizionamento di un prodotto
  • la ricerca di nuovi modi per comunicare
  • la ricerca di nuovi interlocutori
  • migliorare il clima con i dipendenti
  • condividere la filosofia aziendale

Procedura operativa

  1. BRIEF
  2. ANALISI
  3. OBIETTIVI DELLA COMUNICAZIONE
  4. COPY STRATEGY
  5. PROMOTION STRATEGY
  6. PROPOSTA CREATIVA
  7.  ELABORAZIONE DEGLI ESECUTIVI
  8. GESTIONE DEI FORNITORI
  9. SVILUPPO PIANO MEDIA
  10. ACQUISTO TEMPI E SPAZI
  11. VERIFICA DEI RISULTATI

Punti del Piano Strategico

1. Analisi della situazione
Definisce il problema, le possibili evoluzioni dello scenario.
2. Interlocutori
Indica i destinatari dei messaggi con le appropriate segmentazioni anche sotto il profilo sociologico e culturale e dei loro interessi e bisogni.
3. Obiettivi
Dà una chiara definizione di ciò che si vuole ottenere.
4. Strategie
Definisce l’approccio strategico con cui si intende perseguire gli obiettivi.
5. Tattiche
Indica le specifiche azioni e attività attraverso le quali si sviluppa la strategia di comunicazione verso le diverse categorie di interlocutori.
6. Tempi
Precisa il flusso delle singole attività in ordine di priorità con l’indicazione delle responsabilità di esecuzione.
7. Budget
Analizza le risorse economiche e umane necessarie all’esecuzione delle varie attività.
8. Verifica dei risultati
Indica i criteri e gli strumenti di verifica dei risultati.